Entra o Registrati

sei già iscritto?

Entra

O accedi con i tuoi social...

non sei ancora registrato?

Registrati
- stay tuned -

Ansel Adams

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.“ Ansel Adams
Ansel Adams
| Mosè Franchi | I grandi autori

Tutti gli appassionati di fotografia conoscono Ansel Adams, molti imitandone lo stile. Le pubblicazioni tecniche lo citano spesso, riferendosi al “sistema zonale”. Tra l’altro, il rinnovato interesse per l’analogico, e nei confronti del gande formato, ha riportato sugli scudi il fotografo americano. In molti si sono emozionati di fronte ai suoi paesaggi, alle immagini dei parchi. Parecchi di noi, poi, hanno in biblioteca (quella fotografica) “Il Negativo”, quale bibbia del proprio sapere.

È giusto conoscere Ansel Adams a fondo, anche e soprattutto saltando l’aspetto eminentemente tecnico. La fotografia parla di chi la scatta (o la prende?), quasi come in un auto ritratto. È quindi la vita a parlare di un autore, tra esperienze e incontri; ma è importante ricercare le attitudini, quelle che partono da lontano. Scopriremo così come Ansel si sia distinto per il suo rigore, per l’impegno, per l’amore dedicato ai suoi soggetti. Rimane un esempio da imitare: in fotografia e non solo.

L’INFANZIA E IL RICORSO ALLA NATURA

Adams Ansel (20 febbraio 1902 - 22 aprile 1984), fotografo e ambientalista, è nato a San Francisco, in California. È cresciuto in una casa immersa tra le dune di sabbia del Golden Gate. All’età di quattro anni, una scossa di assestamento del grande terremoto del 1906 lo gettò a terra rompendogli il naso, segnandolo distintamente per la vita. Relativamente anziani, la ricca storia familiare (poi crollata) e la presenza vivente della sorella nubile di sua madre, hanno rappresentato fattori che si sono uniti per creare un ambiente decisamente vittoriano ed emotivamente conservatore.

Una timidezza naturale ha causato ad Adams problemi di adattamento a scuola. C’è anche la netta possibilità che possa aver sofferto di dislessia. Non ebbe successo nelle varie scuole verso le quali lo indirizzarono i suoi genitori; di conseguenza, suo padre e sua zia lo istruirono a casa. Alla fine, è riuscito a raggiungere un “diploma di legittimazione”, forse equivalente al completamento della terza media.

Il risultato più importante di un’infanzia un po’ solitaria è stata la gioia che ha trovato nella natura, come dimostrato dalle sue lunghe passeggiate nelle zone ancora selvagge del Golden Gate.

ANSEL ADAMS E LA MUSICA

A dodici anni iniziò a suonare il pianoforte e a leggere musica. Prese lezioni e la ricerca della musica divenne un sostituto dell’istruzione formale. Per la successiva dozzina d’anni il piano fu l’occupazione principale di Adams e, nel 1920, la sua professione prevista. Sebbene alla fine abbia rinunciato alla musica per la fotografia, il pianoforte ha apportato sostanza, disciplina e rigore alla sua gioventù irregolare. Inoltre, la formazione attenta e la precisione richieste a un musicista hanno formato profondamente la sua abilità visiva.

Se l’amore di Adams per la natura era nato nel Golden Gate, questo venne rafforzato dalla Sierra Yosemite. Trascorreva lì un periodo considerevole ogni anno, dal 1916 alla sua morte. Dalla sua prima visita, Adams fu colpito e trasformato. Là ha camminato, scalato ed esplorato, acquisendo autostima e fiducia in se stesso. Incontrò sua moglie, Virginia Best, a Yosemite. Si sposarono nel 1928. La coppia ebbe due figli.

UN MECENATE, GLI INCONTRI IMPORTANTI

Il 1927 fu l’anno cardine nella vita di Adams. Incontrò Albert M. Bender, magnate delle assicurazioni di San Francisco e mecenate delle arti e degli artisti. La sua amicizia, l’incoraggiamento e il supporto finanziario hanno cambiato radicalmente la vita di Adams. Le sue energie creative sono aumentate. Il benevolo patrocinio di Bender ha innescato la trasformazione di un pianista concertista in un artista. Sebbene questa non sia avvenuta subito, la sua passione è cambiata rapidamente dopo che Bender è entrato nella sua vita. I progetti e le possibilità si sono moltiplicati.

Nel 1930 Adams incontra il fotografo Paul Strand, le cui immagini ebbero un forte impatto su di lui, aiutandolo ad allontanarsi dallo stile “pittorico” che aveva prediletto negli anni ‘20. Adams iniziò a perseguire la “straight photography”, che si opponeva a ogni forma di manipolazione dell’immagine, estranea alle specificità linguistiche del mezzo fotografico. Nel 1927 Adams incontra il fotografo Edward Weston. Divennero sempre più importanti l’uno per l’altro: come amici e colleghi. Il rinomato gruppo f/64, fondato nel 1932, poggia sulla riconosciuta grandezza di Weston, accompagnata dall’energia di Adams. Il Gruppo f/64 ha portato la “fotografia diretta” all’attenzione di tutta la nazione.

ADAMS A NEW YORK, ALFRED STIEGLITZ

Adams ha fatto la sua prima visita a New York nel 1933, per incontrare il fotografo Alfred Stieglitz. La loro relazione divenne intensa e la corrispondenza frequente, ricca e profonda. Tra gli anni ‘30 e ‘40, il circolo Stieglitz ebbe un ruolo vitale nella sua vita artistica. La situazione economica di Adams non si presentava come delle migliori ed era costretto a dedicarsi quasi esclusivamente alla fotografia commerciale. Il lavoro però non era continuativo e le pressioni monetarie aumentavano e tali rimasero fino a tarda età.

LA COMPETENZA TECNICA

La padronanza tecnica di Adams è indiscutibile. Weston e Strand lo consultarono spesso per dei consigli tecnici. È stato consulente fotografico per Polaroid e Hasselblad. Adams ha sviluppato il famoso e complesso “sistema zonale”, per controllare e correlare l’esposizione e lo sviluppo, consentendo ai fotografi di visualizzare in modo creativo un’immagine e produrre una fotografia che corrispondesse alla loro visione. Ha prodotto decine di manuali tecnici sulla fotografia, che sono i libri più influenti mai scritti sull’argomento.

L’IMPEGNO PROFUSO

L’energia e l’impegno di Adams erano enormi. Lavorava per diciotto e più ore al giorno, anche per settimane. Per lui non esistevano vacanze o domeniche. La sua esistenza ipercinetica era anche alimentata dall’alcool.

Adams si descriveva come fotografo - docente - scrittore. Sarebbe stato forse più esatto dire che era un comunicatore. Ha viaggiato all’infinito nel paese alla ricerca della bellezza naturale che riveriva e fotografava e del pubblico di cui aveva bisogno. Adams ha avuto un intenso impegno nel promuovere la fotografia come arte e ha svolto un ruolo chiave nella creazione del primo dipartimento di fotografia al Museum of Modern Art di New York. Il lavoro al museo ha favorito le relazioni più strette della vita di Adams, rispettivamente con Beaumont e Nancy Newhall, il primo storico e amministratore del museo. La loro collaborazione fu probabilmente la più intensa nella fotografia del ventesimo secolo.

ANSEL ADAMS ATTIVISTA

Adams era un attivista incessante per la causa della natura selvaggia e dell’ambiente. La sua grande influenza derivava dalla fotografia. Le sue immagini sono diventate i simboli, le vere icone, dell’America selvaggia. Quando la gente pensava ai parchi nazionali,spesso li mmaginava nei termini di una fotografia di Ansel Adams. Le sue immagini in bianco e nero non rappresentavano documenti “realistici” della natura, cercavano viceversa di intensificare l’esperienza psicologica della bellezza naturale. Per Adams, le questioni ambientali di particolare importanza erano il Parco Nazionale di Yosemite, il sistema dei parchi nazionali e, soprattutto, la conservazione della natura selvaggia. Si concentrò su ciò che definiva gli aspetti emotivo-spirituali dei parchi. Sostenitore dell’uso equilibrato e limitato delle risorse, Adams ha anche combattuto incessantemente contro le autostrade, i cartelloni pubblicitari e ogni sorta di torto nei confronti dell’ambiente.

Sebbene la natura selvaggia e l’ambiente fossero le sue grandi passioni, la fotografia era la sua vocazione, il suo metro, la sua ragion d’essere.

Adams è stato spesso criticato per non aver incluso umani o prove di “umanità” nelle sue fotografie di paesaggi. I recensori spesso caratterizzavano Adams come un fotografo di un deserto idealizzato che non esiste più. Al contrario, i luoghi fotografati da Adams sono, con poche eccezioni, proprio quelle aree selvagge e parchi che sono state preservate per sempre. C’è una grande quantità di terre selvagge vere e veramente protette in America, molte delle quali salvate grazie agli sforzi di Adams e dei suoi colleghi.

ANSEL ADAMS ARTISTA

Visto in un contesto di storia dell’arte più tradizionale, Adams è stato l’ultimo personaggio della tradizione romantica della pittura e della fotografia americana del diciannovesimo secolo. Oltre a ciò, i soggetti di Adams, come la bellezza naturale dell’Occidente, erano inconfondibilmente americani; e lo strumento scelto, la macchina fotografica, rappresentava un elemento tipico per la cultura del XX secolo. Adams manifestò una personalità insolitamente generosa e carismatica. La sua grande fiducia nelle persone e nella natura umana fu ampiamente ricompensata. Più di ogni altro influente americano della sua epoca, Adams credeva sia nella possibilità, che nella probabilità dell’umanità, di vivere in armonia ed equilibrio col proprio ambiente. È difficile immaginare un artista più completamente americano: sia nell’arte, che nella personalità.

IMPARARE DA ANSEL ADAMS

È difficile suggerire cosa si può imparare al cospetto di un fotografo quale Ansel Adams. Lo abbiamo ripetuto spesso: un fotografo, come ogni artista, vive in un contesto storico dal quale non si può prescindere; in più percorre la propria vita in relazione a quanto gli viene offerto.

Di Ansel Adams occorre seguire l’esempio, che vuol dire rigore, impegno, intensità. Le sue immagini vivono di precisione, dove il soggetto preferito (e ricercato) s’ingigantisce sempre più col passare degli anni. E qui occorre fare riferimento a un’altra vocazione del nostro autore: la natura e la sua difesa. Noi dobbiamo ricercare la nostra attitudine, il soggetto amato, perseguirlo con dedizione. Resta poi la fotografia: Ansel ne ha avuto fiducia, dedicandole tutto se stesso, con coraggio. Anche qui possiamo seguire le sue orme.



Buona fotografia a tutti

O accedi con i tuoi social...

non sei ancora registrato? Registrati

I GRANDI AUTORI


- fotocontest -

"CHI ... MANGIA LE MELE?"

Dai forma al tuo pensiero fotografico, al di là di virtuosismi tecnici o tecnologici.

Ansel Adams

Ansel Easton Adams è nato il 20 febbraio 1902 a San Francisco, in California. La sua famiglia arrivò in California dal New England, dopo essere emigrata dall'Irlanda all'inizio del 1700. Suo nonno ha fondato una fiorente attività di legname, che il padre di Adams ha poi ereditato. Più tardi nella vita, Adams condannò quell'industria per aver impoverito le foreste di sequoie.

Da bambino, Adams rimase ferito nel terremoto di San Francisco del 1906, quando una scossa di assestamento lo gettò contro un muro del giardino. Il suo naso rotto non è mai stato sistemato correttamente, rimanendo storto per il resto della sua vita. Adams era un bambino iperattivo e malaticcio con pochi amici. Licenziato da diverse scuole per cattiva condotta, è stato educato da tutor privati e membri della sua famiglia dall'età di 12 anni.

Adams ha imparato da solo il pianoforte, che sarebbe diventata la sua prima passione. Nel 1916, in seguito a un viaggio nello Yosemite National Park, iniziò anche a sperimentare con la fotografia. Ha imparato le tecniche della camera oscura e ha letto riviste di fotografia, ha partecipato alle riunioni del club di fotocamere e ha partecipato a mostre di fotografia e arte. Ha sviluppato e venduto le sue prime fotografie al Best's Studio nella Yosemite Valley.

Nel 1928, Adams sposò Virginia Best, la figlia del titolare del Best's Studio. Virginia ereditò lo studio dal padre artista alla sua morte nel 1935 e gli Adams continuarono a gestire lo studio fino al 1971. L'azienda, ora nota come Ansel Adams Gallery, rimane di famiglia.

La svolta professionale di Adams seguì la pubblicazione del suo primo portfolio, Parmelian Prints of the High Sierras, che includeva la sua famosa immagine "Monolith, the Face of Half Dome". Il portafoglio è stato un successo, portando a una serie di incarichi commerciali.

Tra il 1929 e il 1942, il lavoro e la reputazione di Adams si svilupparono. Adams ha ampliato il suo repertorio, concentrandosi su primi piani dettagliati e forme di grandi dimensioni, dalle montagne alle fabbriche. Ha trascorso del tempo in New Mexico con artisti come Alfred Stieglitz, Georgia O'Keeffe e Paul Strand.

Inizia a pubblicare saggi e libri didattici sulla fotografia. Durante questo periodo, Adams si è unito ai fotografi Dorothea Lange e Walker Evans nel loro impegno a influenzare il cambiamento sociale e politico attraverso l'arte. La prima causa di Adams fu la protezione delle aree selvagge, incluso Yosemite.

Dopo l'internamento dei giapponesi durante la seconda guerra mondiale, Adams ha fotografato la vita nei campi per un saggio fotografico sull'ingiustizia in tempo di guerra. Settimane prima dell'attacco a Pearl Harbor nel 1941, Adams girò una scena della luna che sorgeva sopra un villaggio.

Adams ha reinterpretato l'immagine - intitolata "Moonrise, Hernandez, New Mexico" - per quasi quattro decenni, realizzando oltre un migliaio di stampe uniche che lo hanno aiutato a raggiungere la stabilità finanziaria.

Negli anni '60, l'apprezzamento della fotografia come forma d'arte si era espanso al punto che le immagini di Adams venivano mostrate in grandi gallerie e musei. Nel 1974, il Metropolitan Museum of Art di New York ha ospitato una mostra retrospettiva.

Adams ha trascorso gran parte degli anni '70 a stampare negativi per soddisfare la domanda delle sue opere iconiche. Adams ebbe un attacco di cuore e morì il 22 aprile 1984 al Community Hospital of the Monterey Peninsula a Monterey, in California, all'età di 82 anni.


Direttore responsabile
Mosè Franchi

Direttore artistico
Massimo Reggia

Redazione
Consorzio Gruppo Immagine
Viale Andrea Doria, 35
20124 Milano
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Distributore esclusivo per l’Italia
Consorzio Gruppo Immagine

Periodicità Bimestrale Prezzo copia 12,00 euro.
Arretrati 15,00 euro.
Abbonamento a 6 numeri: ritiro in negozio Photop 42,00 euro - spedizione postale 62,00 euro

Progetto grafico
Visiva S.r.l. - www.visiva-adv.it
Realizzazione grafica
Gino Durso
Davide Lanzino
Ilaria Nigro
Andrea Panetta
Stampa
Cortona Moduli Cherubini S.r.l.

Image Mag è una pubblicazione
Consorzio Gruppo Immagine

Image Mag è una testata registrata presso il Tribunale di Milano con autorizzazione n. 237 del 1 Giugno 2012

È proibita la riproduzione di tutto o parte del contenuto senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.

L’Editore è a disposizione per regolare i diritti delle immagini i cui titolari non siano stati reperiti.