RAY CHARLES, “THE GENIUS”

Ray Charles è stato un pioniere della musica soul, integrando R&B, gospel, pop e country per creare successi come “Georgia on My Mind”, la cover di un brano composto da Hoagy Carmichael (lo stesso di stardust), che ascoltiamo spesso, soprattutto in auto. Ne apprezziamo tutta l’ambiguità che “the Genius” riesce a esaltare: si parla di un amore o dello stato USA? Non importa saperlo, ognuno può rispondere come vuole. Rimane la magia che Ray riesce a trasferirci, quale interprete del soul.

Ray poi era il sorriso, e anche quello sguardo nel nulla nascosto dagli occhiali neri. Lo ricordiamo in una scena memorabile del film “The Blues Brothers”, quando canta “Shake a Tail Feather”. Lui interpreta un commerciante di strumenti musicali e, per dimostrare il valore di una tastiera, inizia a suonare. Un rif introduttivo, poi parte il ritmo; e la scena si apre all’esterno. Ballano tutti.

Un tragico destino giovanile potrebbe aver conferito a questo musicista un'accresciuta sensibilità, persino una maggiore attenzione nei confronti dei doni musicali ricevuti. Qualunque cosa sia stata, Ray Charles ha rivoluzionato la musica americana, diventando una leggenda.

Ray Charles è nato il 23 settembre 1930 da Aretha e Baily Robinson, una famiglia povera di Albany, in Georgia. Questa si trasferì a Greenville, in Florida, quando lui era ancora un bambino. Suo padre abbandonò presto la famiglia e il fratellino, George Robinson, annegò in uno strano incidente nella vasca da bagno. Lo stesso Ray contrasse il glaucoma all'età di cinque anni e nel giro di due aveva perso completamente la vista. Cantante in un coro battista, ha sviluppato un amore e una sensibilità per i ritmi, poi sviluppati studiando musica alla Scuola statale per bambini sordi e ciechi.

Orfano dalla sua prima adolescenza, Ray si è unito a una band country all'età di 16 anni, chiamata The Florida Playboys. Si trasferì a Seattle nel 1948, dove lui e il chitarrista meridionale Gossady McGee formarono il McSon Trio. Con un'enfasi sul jazz in stile easy, Ray ha anche suonato di nascosto in sessioni di bebop. Lasciò il McSon Trio e firmò con la Swing Time Records di Los Angeles. Alla fine lo accolse l'Atlantic Records. Col tempo aggiungerà alla sua formidabile lista di talenti la composizione, l’arrangiamento e la scrittura.

Il primo successo R&B di Ray fu "Confession Blues" a Los Angeles nel 1949. Nel 1951, scalò le classifiche come solista con "Baby Let Me Hold Your Hand". Nel 1960 lasciò l'Atlantic e firmò con la ABC-Paramount. Durante questo periodo sono emersi brani come "I Can't Stop Loving You", "Hit the Road Jack", "Busted" e la sua amata canzone più iconica "Georgia On My Mind".

Con l’album del 1962, "Modern Sounds in Country and Western Music", ha portato un nuovo stile swing alla musica country. Da lì in poi, ha percorso una strada tradizionale: con l'interpretazione di canzoni dei Beatles ("Eleanor Rigby") e l'apparizione nelle pubblicità di "Diet Pepsi" ("You Got the Right One, Baby, Uh-huh!"). Si è anche presentato sporadicamente nei film, recitando in The Blues Brothers - I fratelli Blues (1980) con Dan Aykroyd e John Belushi. In televisione ha lavorato al fianco di leggende musicali come Ella Fitzgerald e Barbra Streisand.

Ray ha dovuto affrontare anche un problema di eroina. A metà degli anni '60 fu arrestato per possesso di eroina e marijuana e rivelò di essere dipendente da quasi due decenni. Nel 1965 si era completamente ripreso. L'uomo che ha vissuto una vita al limite ha divorziato due volte, mettendo al mondo 12 figli sia dentro che fuori il matrimonio.

Al momento della sua morte per una malattia al fegato, il 10 giugno 2004 (aveva 73 anni), stava lavorando a un progetto discografico di duetti con artisti come Willie Nelson, Bonnie Raitt, B.B. King, Elton John e Norah Jones.

Pochi mesi dopo la sua morte, è uscito nelle sale cinematografiche Ray (2004), diretto da Taylor Hackford, con protagonista il premio Oscar Jamie Foxx.

Il fotografo Lee Friedlander

Lee Friedlander nasce ad Aberdeen, Washington, il 14 luglio 1934 e s’interessa di fotografia all'età di quattordici anni. Ha studiato fotografia all'Art Center School di Los Angeles dal 1953 al 1955 e poi ha iniziato a lavorare come freelance. Il suo lavoro è apparso su Esquire, Art in America, Sports Illustrated e altri periodici, e ha tenuto la sua prima mostra personale alla George Eastman House nel 1963. Mostre successive del suo lavoro includono "Toward a Social Landscape" alla George Eastman House di 1966 e "New Documents" al Museum of Modern Art nel 1967, che identificavano le sue fotografie con quelle di altri fotografi di "paesaggio sociale" come Garry Winogrand, Bruce Davidson, Danny Lyon e Diane Arbus. Friedlander ha pubblicato regolarmente libri: Work from the Same House (con Jim Dine, 1969), Self-Portrait (1970), Flowers and Trees (1981), Lee Friedlander: Portraits (1985) e Cray at Chippewa Falls (1987). Ha anche prodotto il libro Nudes (1991) e The Jazz People of New Orleans (1992). Ha ricevuto numerosi premi per la sua fotografia, tra cui tre borse di studio Guggenheim; cinque National Endowment for the Arts Fellowships; e un premio della Fondazione MacArthur. Friedlander è stato responsabile della stampa dei negativi del fotografo di New Orleans d’inizio secolo E.J. Bellocq, che ha salvato dall'oblio.

La fotografia di Friedlander segue la tradizione della fotografia documentaria praticata da Walker Evans e Robert Frank. Le sue immagini spesso contengono anche la sua ombra o il suo riflesso, il che conferisce un tocco strano a quanto si vede.

Il fotografo, William Claxton

Il fotografo americano William Claxton era noto soprattutto per i suoi ritratti in bianco e nero di musicisti jazz e star di Hollywood. La sua abilità è stata quella di combinare le proprie passioni con il mezzo prescelto, compilando un resoconto culturale della vita negli Stati Uniti dagli anni '50 agli anni '90.

Claxton è nato e cresciuto in una casa confortevole a Pasadena, in California, il 12 ottobre 1927. Si è iscritto all'UCLA (l'Università della California, Los Angeles) per studiare psicologia. Aveva già iniziato a fotografare come hobby e la sua robusta fotocamera Speed Graphic da 4x6 pollici lo accompagnava di continuo laddove il jazz prendeva vita, anche nelle cantine più buie. Nel 1952 ebbe la fortuna, nel leggendario club Haig, di incontrare Dick Bock, fondatore dell'etichetta Pacific Jazz, che lo assunse come art director e fotografo.

Abbandonati gli studi, William si concentrò sul suo stile fotografico, quello che aveva ereditato dagli anni Quaranta. "La maggior parte della fotografia jazz prima di me mostrava musicisti sudati, con facce luccicanti, in piccoli bar bui e fumosi”. “Quello era il jazz per la maggior parte delle persone”. “Essendo sulla costa occidentale, volevo far emergere il fatto che i musicisti vivevano in ottima salute, consapevoli dell'ambiente”. “Quindi ho iniziato a metterli in spiaggia o in montagna o sulla strada nelle loro decappottabili.

Condivideva con McQueen la passione per le auto veloci e questo l’ha portato a scattare la celebre immagine dell'attore che guida la sua Jaguar decappottabile lungo Mulholland Drive a Los Angeles, scrutando oltre il bordo dei suoi occhiali da sole (1962). Quella fotografia ha rappresentato un allontanamento dal lavoro precedente di Claxton, per indirizzarlo verso la ritrattistica delle celebrità di Hollywood.

Claxton è entrato nel colore per la fotografia di moda, che ha iniziato all'inizio degli anni '60, complice sua moglie Moffitt. Nel 1991, le sue immagini di moda sono state raccolte in The Rudi Gernreich Book, pubblicato da Benedikt Taschen, che ha descritto Claxton come "... un grande fotografo che ha toccato la vita dei suoi amici attraverso generosità, fascino e gentilezza".

In nessun ambito, tuttavia, il rapporto con i suoi soggetti è più chiaro di quello evocato dalle immagini del primo amore di Claxton, quello per la musica. Nel suo libro Young Chet (1993), scrisse: "Il jazz è improvvisazione musicale, è l'arte del momento”. “Nella registrazione del jazz, l'ispirazione e l'inventiva di questo momento è resa permanente dalla tecnologia, dando piacere molti anni dopo la prestazione".

Le fotografie di Claxton sono state pubblicate su: Time, Life, Vogue, Paris Match e Interview; nonché in più di una dozzina di libri d'arte di grande formato. Ha tenuto decine di mostre e il suo lavoro è conservato nella collezione del Museum of Modern Art di New York. William James Claxton, fotografo, è morto l'11 ottobre 2008.

Le fotografie

Ray Charles 1959, Photo Lee Friedlander

Ray Charles, Hollywood, 1961. Photo William Claxton


ALLA ROTONDA Via San Vigilio,7 - TRENTO (TN) Tel.0461985317
ANDREELLA PHOTO Via Carlo porta,2 - BUSTO ARSIZIO (VA) Tel.03311489823
BONGI Via Por Santa Maria 82-84R - FIRENZE (FI) Tel.055 239881
EUROPHOTO Corso Siracusa 196/C - TORINO (TO) Tel. 0113115111
GRANDE MARVIN Via Carlo Alberto,49 - TORINO (TO) Tel. 0115616411
FOTO ATTUALITA' CESNI P.zza Setti 3 - TREVIGLIO (BG) Tel. 036349740
FOTO ATTUALITA' CESNI Via Umberto I°, 39 - PANDINO (CR) Tel. 037390255
FOTO DE ANGELIS Via Maggini 84 - ANCONA (AN) Tel. 0712801945
FOTO DE ANGELIS Centro comm. Le Ville Via Puglie 8 - FALCONARA M.MA (AN) Tel. 0719173765
FOTO DE ANGELIS Centro comm. Grotte Center Via Campo D'Aviazione 17 - CAMERANO (AN) Tel. 0719697184
FOTO DOTTI Viale Storchi, 281 - MODENA (MO) Tel. 059821000
FOTO EMMEGI Via S. luigi Versiglia, 3/5 - CIVITANOVA MARCHE (MC) Tel. 0733471291
FOTO EMMEGI Via Marco Polo, 120 - OSIMO (AN) Tel. 071714124
FOTO ESSE Via dei Mille 14 - GROSSETO (GR) Tel. 0564648362
FOTO PANDINI Via Garibaldi, 121- FERRARA (FE) Tel. 0532.202821
OTTICA PAOLETTI Via Clavature 9/D - BOLOGNA (BO) Tel. 051267656
PHOTO' 19 Via Solferino,23 - BRESCIA (BS) Tel. 03042070
PHOTO MARKET VIDEO Via Fradeletto, 23 - MESTRE (VE) Tel. 041915444

I NEGOZI PHOTOP

Direttore responsabile
Mosè Franchi

Art Director
Massimo Reggia

Comitato di Redazione
Simone Andreella
Roberta Cesni
Ludovica Giardinelli
Giorgio Zorzini

Redazione
Consorzio Gruppo Immagine
Corso Buenos Aires, 79
20124 Milano
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Distributore esclusivo

Consorzio Gruppo Immagine

Periodicità Bimestrale
Prezzo copia 12,00 euro.
Arretrati 15,00 euro.
Abbonamento a 6 numeri: ritiro in negozio Photop
42,00 euro.
spedizione postale
62,00 euro.

Image Mag è una pubblicazione
Consorzio Gruppo Immagine

Image Mag è una testata registrata presso il Tribunale di Milano con autorizzazione
n. 237 del 1 Giugno 2012

È proibita la riproduzione di tutto o parte del contenuto senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.

L’Editore è a disposizione per regolare i diritti delle immagini i cui titolari non siano stati reperiti.


Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...